Rapinatore si giustifica: sono stato convinto dai telegiornali

 

monica-peruzzi.jpgUn certo John Stephens si è dichiarato colpevole della rapina a mano armata alla banca “Your Commnity” a Floyd County, nell’Indiana, durante la quale aveva tenuto in ostaggio i presenti, ed era riuscito a sfuggire ad una enorme caccia all’uomo.

Stephens ha però spiegato al giudice che non è stata del tutto colpa sua: ha detto che aveva un lavoro regolare, ma poi ha iniziato a sentire i telegiornali che raccontavano continuamente le gesta di alcuni “rapinatori seriali”, e si è convinto che doveva provare anche lui, in modo da diventare ricco e famoso. Ma soprattutto, i servizi dei giornalisti gli avrebbero insegnato la tecnica per rapinare le banche, ed in particolare si sarebbe “ispirato” ai dettagliati racconti delle rapine della televisione locale WLKY compiute da un certo Paul Allen.

Il giudice però non ha accolto questa giustificazione, e non ha fatto sconti a Stephens, condannandolo ad un totale di quasi 20 anni di reclusione. Anche perché  Stephens in realtà non è esattamente  uno stinco di santo: si trovava infatti in libertà vigilata da due anni, e adesso che con la rapina ha perso tutte le attenuanti di buona condotta, è probabile che finito di scontare i venti anni per la rapina, ne dovrà scontare altri 17 per un precedente tentato omicidio…

 

Rapinatore si giustifica: sono stato convinto dai telegiornaliultima modifica: 2011-02-21T23:37:09+01:00da regalandia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento